Episodio 24 – CLASSIFICONE: I migliori classici degli anni ’00

Dunwich Buyers Club Podcast - Episodio 24 - CLASSIFICONE: I migliori classici degli anni '00

“I capisaldi: la femmina, il danaro e la mortazza”. Così disse una volta Valerio Mastrandrea. Ma il buon Valerio non è un boardgamer, perché altrimenti saprebbe benissimo che i capisaldi sono ben altri!

Ecco, cari ascoltatori, l’episodio vintage nel quale vi portiamo alla scoperta dei veri capisaldi. Titoli che hanno contribuito a creare il moderno mercato dei giochi da tavolo, in questo nuovo Classificone dedicato ai Super Classici degli anni ’00: Agricola, Puerto Rico, Pandemia, Ticket to Ride, Dixit, Caylus e molto altro ancora…

Enjoy!

2 comments on “Episodio 24 – CLASSIFICONE: I migliori classici degli anni ’00

  1. Ciao a tutti.
    Sono io l’unico a non riuscire a fare una partita sensata ad Agricola?
    Premetto che la mia versione è la primissima della Z-man in inglese con gli Animiples.
    Tutte le volte che lo metto in tavola le carte creano dei grossi problemi ai giocatori, anche se sanno l’inglese discretamente. Ogni volta si arriva a metà partita e un giocatore scopre di che la carta appena giocata non fa quello che pensava e manda tutta la partita a monte. Avete suggerimenti da darmi?

    1. Ciao “Garla”!
      Allora, intanto è chiaro che con l’inglese è tutto più difficile, specialmente quando hai una mano privata su cui si basa l’intera partita, come in Agricola. Capisco le tue difficoltà e ti consiglio magari di provare a capire se uplay edizioni distribuisce i mazzi “sciolti” in Italiano perché in questo caso fa una differenza mondiale. Lo capisco, è facile sentirsi ferrati in inglese (e magari lo siete) ma qui è un po’ diverso in quanto c’è un micro-linguaggio del gioco e col testo in inglese si è ancora più esposti a problemi.

      Ecco i miei consigli:

      Non so sull’edizione Z-Man ma su quella Stratelibri che ho io (Giochi Uniti) le carte sono tutte spiegate una ad una per eliminare i dubbi, quindi, inizia a far girare il libretto al momento della distribuzione.
      HOUSE RULE: Parti con 5 carte per tipo invece di 7, il gioco diventa un po’ più snello e non cambia molto.
      Usa SOLO il mazzo E, oppure, solo il mazzo I, oppure solo il K. Ancora meglio, gestisci i mazzi…andando per gradi. Inizia con 4 carte E + 1 carta I a testa e poi metti dentro roba complessa per gradi.
      EVITA il draft se non siete tutti allo stesso livello…purtroppo alcune carte si imparano con un pizzico di pratica e rischi di avere degli scompensi tra gente che sceglie “a caso” e gente che va sul sicuro e poi ti rompe la partita.
      Il gioco purtroppo richiede applicazione e come gestire le carte in modo da avere una serata piacevole è un processo che va portato avanti per gradi.

      Grazie per averci scritto e alla prossima!

      – Jack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *